Non c’è libertà più grande di quella del nostro pensiero, nessuna creazione più bella di ciò che possiamo immaginare, nessuna bellezza più profonda di quella che nasce dai nostri pensieri… E così, nonostante i tempi particolari che stiamo vivendo, non dobbiamo smettere di fare, di ogni momento della nostra vita, un momento speciale, curando il nostro spazio per vivere, per accogliere, per condividere. L’autunno è la stagione che ci riporta alla casa, all’intimità degli spazi più protetti, ma è anche e ancora, la stagione in cui possiamo stare all’aperto, se abbiamo la fortuna di poterci immergere in una natura che è tiepida, molto colorata e davvero avvolgente.

Mi piace dire che dobbiamo coltivare la bellezza in senso generale, ma di più, dobbiamo coltivare la bellezza delle cose belle e la bellezza delle belle relazioni, perchè questo è ciò che conta e ciò che dà senso e gioia alla nostra vita. Che cosa c’è di più bello dunque, del momento in cui possiamo sederci intorno ad una tavola, che abbiamo immaginato e realizzato con cura e passione, per condividere buon cibo, ottimi vini, ma soprattutto tempo di felice serenità con chi amiamo?

E se anche non potrete organizzare una festa per tutti i vostri amici, non rinunciate al piacere di realizzare tavole belle, preziose, piene di cose che vi raccontino storie felici. A quelle tavole, poi, vi siederete con la persona che avete nel cuore, una sola, ma la più importante e là vi godrete momenti che vi regalino gioia. Che sia alla luce del sole, in collina, tra i filari di un vigneto o alla luce delle candele in un casale di campagna riscaldato dal fuoco di un grande camino, mescolate oggetti, tessuti, fiori e iniziate a sognare un pezzo della vostra storia. Ora lasciatevi guidare, seguitemi e guardate come ho immaginato di vivere due giornate di metà autunno, diverse tra di loro ma entrambe piene di suggestioni.

Preferite la luce del giorno, lo spazio aperto e il paesaggio collinare sul quale si snodano morbidamente le linee dei filari di vite? Allora potrete decidere che saranno l’uva, le ortensie dai colori antichi, i legni dei tini, i tessuti quadrettati, a diventare protagonisti di questo allestimento, dove potrete aggiungere ceramiche dai colori tenui, magari in contrasto con qualche pennellata di argento nei cestini porta frutta e nelle posate. Vecchi bottiglioni diventeranno preziosi portafiori, mentre i toni del verde e del viola dei bicchieri in vetro soffiato punteggeranno la scena.

Se invece è la sera il momento che più vi piace per dedicarvi all’intimità di una cena di fronte al fuoco di un camino, potrete cercare il luogo che fa per voi, esplorando casali e cascine alla ricerca di uno spazio speciale. Là, potrete allestire la vostra tavola, con ceramiche contemporanee che renderete più particolari, abbinando piccoli piattini in porcellana antica, usando vecchi barattoli per le conserve che trasformerete in audaci portacandele sospesi, e spargendo quà e là, tocchi d’oro e d’arancio.

Create seguendo il vostro stile e non abbiate paura di sbagliare, il risultato sarà vostro e solo vostro, come deve essere il personalissimo concetto di lusso e raffinatezza che ognuno di noi ha nei suoi pensieri. Se poi avrete voglia di sperimentare con maggior partecipazione, le gioie della vita in campagna, potrete fare come me e dedicare qualche momento, alla raccolta dei grappoli d’uva. State bene, siate felici!

a cura di Angelo Garini

Architetto – Emotion Designer

New Report

Close

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account